close

SCOPRI LE OFFERTE

Cravatte sartoriali e accessori abbigliamento scontati
Tutorial

Cosa indossare ad un colloquio o incontro di lavoro?

La lenta e incerta ripresa economica che stiamo vivendo può significare anche nuove opportunità di lavoro, di consulenza o impiego che sia.

SCOPRI LE OFFERTE

Cravatte sartoriali e accessori abbigliamento scontati

Ottimismo, preparazione e ambizione sono i requisiti principali per avere chances nei diversi settori.

Nel frattempo occorre non farsi trovare impreparati a incontri o a nuove opportunità di lavoro.

Una mano (alternativa) per trovare fiducia in noi stessi ce la da la cura dell’aspetto: vediamo cosa fare e cosa indossare per trovare sicurezza al lavoro o ad un colloquio di selezione.

È una situazione in cui quasi tutti ci siamo ritrovati ad un certo punto: sai che devi vestirti per sentirti a tuo agio, ma dopo aver saccheggiato l’armadio…siamo a mani vuote!

Cosa fare?

Occorre una strategia: partiamo innanzitutto da noi!

Per un veterano, riconoscersi pienamente nella propria figura professionale e sapere chi dovrà incontrare, è cosa assodata. Di conseguenza costui saprà già muoversi sul campo di battaglia con sufficiente disinvoltura…ma non è mai abbastanza!

Un pò diverso è per i più giovani, al loro primo colloquio di lavoro: questi, naturalmente, ancora non hanno pienamente addosso i panni del professionista, pertanto per loro è necessario strutturare una strategia.

Ecco 6 regole fondamentali per avere successo ad un impegno di lavoro, che tu sia un professionista novello o uno che ha già navigato parecchio.

Regola n°1: conosci te stesso

Il lavoro che ognuno di noi svolge, qualunque esso sia, ci identifica, come una carta d’identità. Un mio caro amico, giornalista, a chiunque gli chiede Che lavoro fai?, risponde sempre Sono giornalista, che è diverso dal dire Faccio il giornalista.

E questo è valido sempre, per tutti.

Regola n° 2: che lavoro…sei?

Partendo quindi dal presupposto che noi siamo ciò che facciamo, vediamo come valorizzare ciò che siamo attraverso la cura dell’aspetto, per migliorare l’autostima e, di conseguenza, avere maggiori possibilità di successo sul lavoro.

Per i neo-professionisti è importante conoscere l’azienda che li esaminerà. Un aiutino può darcelo il sito web aziendale, oppure Google e i diversi Social: cercate informazioni sull’azienda e sbirciate qualche foto dei dipendenti. Troverete sicuramente qual’è il dress code in uso presso questi uffici.

Regola n° 3: la scelta dell’abbigliamento

Sicuramente ogni professionista avrà già la sua divisa da lavoro, che tu sia un elettricista, un ingegnere, un pizzaiolo o un notaio.

Ciò che conta, salvo che non si debba utilizzare una vera e propria divisa aziendale, è di alternare gli outfit e di dismettere abiti logori o in linee obsolete, in modo che lo spirito si nutra di rinnovate visioni di voi stessi, generando così energia positiva, ovvero entusiasmo e determinazione.

Chi vuole apparire particolarmente elegante e sofisticato al suo colloquio di lavoro, faccia subito un salto a questo articolo.

Per chi si trova a fare il suo primo colloquio di lavoro, invece, è importante non sbagliare. L’unico modo è andare sul sicuro indossando un vestito ben sagomato addosso, spezzato o intero che sia, in colori tenui, cravatta a tinta unita, regimental o con motivi semplici.

Ecco un esempio, in abito grigio e cravatta regimental.

vestito grigio colloquio di lavoro

Oppure, nei toni del blu navy-style con cravatta a motivi e un bellissimo fazzoletto da taschino.

vestito blu navy style per lavorare

Alcuni ambienti di lavoro hanno codici di abbigliamento più casual. Questo però non significa che si dovrà andare in jeans e camicie hawaiane. Scegli, ad esempio, un pantalone chino e una buona camicia, anche a quadretti.

vestito casual lavoro

Un maglioncino su una camicia è perfetto per farsi conoscere ad un incontro di lavoro informale.

Regola n° 4: i dettagli regalano benefici sorprendenti

Fondamentale, quanto i vestiti, anzi, probabilmente anche più importanti, sono gli accessori d’abbigliamento.

Indossare la cravatta giusta ad un appuntamento di lavoro, può fare la differenza.

Ecco una bellissima cravatta sfoderata fatta a mano in Italia. Perfetta per un colloquio di lavoro col caldo estivo.

cravatta sfoderata per lavorare

In altro articolo vi ho spiegato come scegliere la cravatta giusta.

Un foulard per un particolare impegno di lavoro, magari di natura creativa, comunica più di tante parole.

Un fazzoletto da taschino orlato a mano, ben riposto nel taschino della tua giacca, attirerà l’attenzione del tuo interlocutore, comunicando premura, fiducia e buon gusto.

Vedi come fare una piega perfetta al tuo fazzoletto da taschino

Per un incontro di lavoro informale, sono davvero convincenti le bretelle. Scegli bretelle professionali come te, di buon gusto e qualità. Evita cineserie.

Le bretelle, sono perfette anche per andare in ufficio: ve l’ho spiegato in questo articolo.

Ecco delle bellissime bretelle Zazà made by DM Ties (NB: approfittane oggi: stanno al -25% ancora per poco!). Sono realizzate a mano con materiali di prima qualità e accorgimenti sartoriali che le rendono uniche, affidabili e indistruttibili.

Non trascurare le calzature. Scegli un paio di scarpe Oxford scure o Derby. Stai puntando al tradizionale, quindi più semplice è la scarpa, meglio è.

Anche le Brogue sono opzionabili, ma per via dei loro svolazzi decorativi non sono appropriatissime per un colloquio formale. Io andrei sul sicuro con delle Oxford.

Regola n° 5: i giochi di cromia

Giocare con i colori per andare ad un appuntamento di lavoro può essere strategico: ma attenti a non esagerare.

Innanzitutto, la nota di colore dev’essere assolutamente discreta, quasi impercettibile. Quindi conviene delegare a un fazzoletto da taschino, a una montatura degli occhiali da vista o ai lacci delle bretelle questo compito.

Utilizza il rosso, se vuoi trasmettere forza ed entusiasmo. Oppure l’arancione, per infondere un senso di fiducia e ottimismo. Blu e azzurro se vuoi stimolare la riflessione dei tuoi interlocutori.

Regola n° 6: il grooming

La beauty routine, per un professionista, sta quasi certamente fra le ultime cose a cui badare.

Ne ho parlato in questo articolo dedicato.

Il mio suggerimento è di trovare il tempo minimo per un’aggiustatina ai capelli e alla cura della barba, sia nel caso di una rasatura totale, sia che la portiate lunga o rada.

Un make-up bilanciato, con prodotti specifici per uomo, migliorano l’elasticità della pelle ed esalta il magnetismo (sempre utile) di uno sguardo.

Non mi resta che fare un in bocca al lupo a tutti!

Cosa indossare ad un colloquio o incontro di lavoro? ultima modifica: 2020-05-31T18:33:26+02:00 da Gabriella Fiore
Gabriella Fiore

The author Gabriella Fiore

Lascia un commento