close

RISPARMIA SU DMTIES.IT

Cravatte Sartoriali e Accessori Moda - Sconti fino al 50%
Curiosità

Tendenze evergreen: la fantasia regimental

Righe oblique, più spesse o più sottili. Una fantasia che si presenta quasi esclusivamente su cravatte, al massimo su qualche papillon.

RISPARMIA SU DMTIES.IT

Cravatte Sartoriali e Accessori Moda - Sconti fino al 50%

Capiamone di più su questo particolare motivo, mai fuori moda.

Una cravatta in fantasia Regimental molto spesso viene definita semplicemente come a righe, ed effettivamente lo è, ma il significato delle stesse, e dei suoi colori, può essere del tutto differente.

Origini della cravatta regimental

Le cravatte regimental hanno i colori di un club, di un college o di un reggimento; nascono infatti come orpello d’ambito militare.

Indossare una cravatta regimental con i colori di una di queste istituzioni, significa manifestare l’appartenenza ad una di esse.

Significato in Italia

Nel mondo anglosassone questa caratteristica è molto sentita.
Non lo è in altri Paesi, come l’Italia, dove la cravatta regimental è semplicemente una cravatta a righe.

Le sue righe hanno un’inclinazione di 45 gradi, in modo da combaciare con l’inclinazione del rever della giacca una volta abbottonata.

Lo sapevi che esistono tanti tipi di cravatte regimental e ognuna ha un suo nome?

Esistono diversi tipi di cravatta regimental, a seconda della dimensione e del numero di righe:

Titan

Caratterizzata dalla presenza di una sola riga sotto il nodo della cravatta.


A nastro

Tutte le righe si trovano ad una distanza regolare.

cravatta regimental a nastro: le righe si trovano ad una distanza regolare

Cravatta regimental “a nastro”


Mogador

Una striscia larga è intervallata da due più strette.

cravatta regimental mogador: una striscia larga è intervallata da due più strette

Cravatta regimental “mogador”


Araldica

Le righe sono in orizzontale o in verticale.


Ambrata

Le righe riprendono il colore di una o più sfumature del colore dominante della cravatta.

Cravatta regimental ambrata: le righe riprendono il colore di una o più sfumature del colore dominante della cravatta

Cravatta regimental “ambrata”

Ma come si abbina una cravatta regimental?

La fantasia regimental dovrebbe essere abbinata ad una camicia semplice, senza disegni, essenziale.

Eventualmente può essere abbinata anche con una camicia a righe. Attenzione che le righe siano sottili se la cravatta ha le righe larghe e viceversa.

Bisogna ovviamente tenere conto dell’armocromia generale di tutti i colori presenti nell’outfit.

Infine, un cenno di storia

Pare che la grande svolta per la fantasia regimental si ebbe nel 1919, quando il Principe di Galles Edoardo VIII durante una visita ufficiale negli Stati Uniti decise di presentarsi con la cravatta appartenente al reggimento presso cui aveva prestato il suo onorevole servizio, ovvero quello dei Granadier Guards.

La sua cravatta a righe larghe blu e rosse fece furore.

E la ricordiamo ancora oggi…

Tendenze evergreen: la fantasia regimental ultima modifica: 2019-02-01T00:07:39+00:00 da Gabriella Fiore
Gabriella Fiore

The author Gabriella Fiore

2 Comments

  1. Avete mai notato che le cravatte regimental europee ed americane hanno il diverso senso di inclinazione? Sapete il perché? Grazie.

    1. Caro Ettore, ottima vista! 🙂
      A riguardo ci sono diverse opinioni, o leggende. Si legge infatti che le cravatte che presentano righe che vanno dall’alto al basso verso destra siano nate in Gran Bretagna. Oltre oceano, negli USA, è stato invece adottato un andamento opposto, ovvero dall’alto verso il basso a sinistra.
      Secondo un’interpretazione moderna, in sostanza, le righe delle regimental di derivazione britannica ricordano la posizione del braccio destro appoggiato sul cuore durante un giuramento, mentre quelle americane il braccio che sta per estrarre una spada dal fodero.
      Un’altra interpretazione, più vaga ed eclettica, che nemmeno chiamerei “interpretazione”…è che non esiste una vera e propria ragione! Addirittura non ci si è nemmeno posto questa domanda.
      Attendiamo che qualcun’altro porti la sua esperienza su questa particolare discussione aperta da Ettore 😉
      Gabry

Lascia un commento