close
Accessori moda

La cravatta Sette Pieghe: la regina dell’eleganza napoletana

La cravatta Sette Pieghe può definirsi senza alcun dubbio la regina delle cravatte. Un accessorio che ha vita da più di duecento anni…tutti portati meravigliosamente!

Storia, caratteristiche e curiosità della cravatta Sette Pieghe

Ciò che rende inimitabile una Sette Pieghe da una qualsiasi altra cravatta in commercio è l’accuratezza della sua lavorazione.

Una cravatta Sette Pieghe è garanzia di produzione handmade perchè la particolare piegatura del tessuto è realizzabile soltanto a mano, da sarti esperti.

cravatta 7 pieghe

I sarti in grado di realizzarle sono davvero pochi. I dettagli per creare una Sette Pieghe d’eccellenza sono tanti e si apprendono soltanto con l’esperienza.

Ma cosa significa cravatta Sette Pieghe?

Una Sette Pieghe è una cravatta il cui tessuto, una volta tagliato nei pezzi che la compongono, e prima della cucitura finale, viene ripiegato più volte su se stesso. Il risultato finale è una cravatta più spessa e consistente.

cravatta sette pieghe

Una Sette Pieghe è più pesante di una cravatta classica e indossata conferisce una sensazione di assoluta compostezza, di decoro, potente eleganza, quasi di protezione.

Essa, inoltre, resta perfettamente ferma e composta, a copertura dei bottoni della camicia e anche quando ci si muove, lei…oscilla appena.

Non vi nascondo che queste caratteristiche di poderosa corposità di una cravatta Sette Pieghe, così come qui ve le sto raccontando dopo aver fatto i miei approfondimenti, mi fanno pensare che questo accessorio in realtà risulta piuttosto pesante, rendendo anche un pò “imbalsamato” chi l’indossa. Pertanto, per non rimanere con questo dubbio, ho subito contattato Veronica Malangone della DM Ties, veterana del settore.

Non è esattamente corretto definire “spessa” una Sette Pieghe, poiché questo fa pensare che l’intera cravatta lo sia, nodo incluso. Se così fosse un nodo di una Sette Pieghe assumerebbe un aspetto esageratamente voluminoso. Una Sette Pieghe DM Ties è una cravatta ponderata e non trascura nulla. Più corposi sono soltanto i 30 cm che vanno dalla punta della pala in su e i 12 cm che vanno dalla punta del codino in su, cioè le parti della cravatta interessate dalle pieghe. La parte centrale, quindi, quella che va al collo e che sarà interessata anche dal nodo, rimane snella e morbida, flessibile e ben modellabile, uguale ad una cravatta normale.
Chi ama una Sette Pieghe e desidera comunque una cravatta leggera può ovviare al maggiore volume e peso in due modi: richiedendo una Sette Pieghe su misura con anima interna più leggera di una standard; oppure richiedendo una Sette Pieghe su misura “sfoderata”, cioè con le due terminazioni della cravatta rifinite con orlo a mano senza fodera e senza anima, alleggerendo quindi notevolmente la cravatta.

Veronica Malangone, Co-Founder & Responsabile Produzione DM Ties

Veronica è sempre molto tecnica e dettagliata nelle sue preziosissime spiegazioni.

Dunque amici, in definitiva, anche una sette pieghe può risultare una cravatta morbida e leggera, basta usare i giusti accorgimenti…e rivolgersi alle persone giuste!

E se non ci avete capito un tubo fra palacodinoanima…etc di una cravatta, leggete Anatomia di una cravatta e il Glossario della cravatta!

Quando nasce la Sette Pieghe?

Le origini della cravatta sette pieghe risalgono agli inizi dell’800. In questo secolo, infatti, si è iniziato a diffondere l’uso della cravatta da parte dei nobili, i quali iniziavano a sostituire il fazzoletto da collo con la cravatta.

Quest’ultima era confezionata con seta pregiata, utilizzando il metodo delle sette pieghe.

In quel periodo l’unico sostegno interno che conferiva sostanza alla cravatta era il tessuto stesso, la seta per l’appunto, che veniva piegato ben sette volte su stesso, senza aggiungere l’anima.

Soltanto in tempi relativamente recenti, ovvero da circa 70 anni, la cravatta Sette Pieghe moderna viene confezionata utilizzando un’anima interna.

In Italia la tradizione sartoriale ha origini antiche. Attualmente i sarti che confezionano ancora cravatte di questo genere sono pochi.

Napoli

Sarà Napoli la città che inventerà la moderna cravatta Sette Pieghe, così come la indossiamo attualmente.

Competenza tramandata negli anni, tradizione sartoriale, gusto per il particolare: un sapiente mix che insieme all’innegabile estro creativo ha dato vita al prodotto di lusso che oggi tutti ammiriamo.

La Sette Pieghe è oggi il simbolo dell’eleganza napoletana in tutto il mondo.

In che tessuto è fatta una Sette Pieghe?

Twill e seta, i tessuti più usati. Le trovi a pois, a tinta unita, a piccole fantasie, foderate e sfoderate e tante varianti di colori e combinazioni.

Dove trovare una cravatta Sette Pieghe e quanto costa

Una cravatta Sette Pieghe è un manufatto d’eccellenza che si distingue per la realizzazione artigianale.

È, quindi, un prodotto realizzato esclusivamente in laboratori sartoriali specializzati che per il loro confezionamento adottano e tramandano alle nuove generazioni le antiche tecniche di lavorazione artigianale.

La DM Ties, sartoria campana, da oltre venticinque anni realizza a mano cravatte Sette Pieghe in pregiati tessuti, rigorosamente Made in Italy.

Cravatta sette pieghe sartoriale blu a pois piccoli bianchi

Duca

Sicurezza e controllo assoluti garantiti

Cravatta 7 pieghe con microdisegni blu e beige

Rhombus

100% elegantissima!

Cravatta sette pieghe elegantissima

Sidney

Irresistibilmente nobile e bella

Chi sceglie una cravatta Sette Pieghe DM Ties desidera certamente acquistare una cravatta sofisticata, curata e di assoluta qualità, ovvero un prodotto di alta classe fatto a mano, probabilmente tagliata anche su misura.

Il costo di una cravatta Sette Pieghe sartoriale è variabile e dipende da molteplici fattori: dai costi per la sua produzione, al business aziendale, alle materie prime utilizzate etc.

Difficilmente se ne trovano a prezzi di gamma bassa.

***

Così vengono realizzate, sempre diverse tra loro, le cravatte Sette Pieghe DM Ties

La cravatta Sette Pieghe: la regina dell’eleganza napoletana ultima modifica: 2019-10-16T16:00:56+00:00 da Gabriella Fiore
Gabriella Fiore

The author Gabriella Fiore

Lascia un commento